Questione di sciocchezze

Questioni che mi stanno colpendo molto in questi giorni. E lo so che si tratta principalmente di carenza autostima, ma ad ascoltare la mia attuale paranoia è capace che mi tiro indietro ad un passo dalla meta.

Dunque, sapete del mio Progetto, che poi è anche il mio più grande sogno.
Beh, a breve brevissimo (Perditempo permettendo) potrei pubblicare il primo libro.
Ero piena di entusiasmo, ma ora che sono ad un passo mi sto riempiendo di ansie e di paure sciocche.

Ho creato una pagina Facebook, così posso provare a fare un po’ di pubblicità sui social per vendere qualche copia in più… Beh non riesco a pubblicarla e a condividerla nemmeno con gli amici più intimi. Nemmeno con il Vichingo!
Sul titolo della pagina ho messo “scrittrice” accanto al mio nome e tanto basta per bloccarmi, per farmi cadere in un imbarazzo pazzesco. Come se ci fosse qualcosa di cui vergognarmi. Penso che dovrei cambiare titolo, giusto un po’. Magari usare quello del libro. Così chi mi conosce non capirà immediatamente che si tratta di me.
Così anche il libro, che non vedo l’ora di avere tra le mani… quando mi renderò conto che è reale lo manderò in stampa o sarò preda di un attacco di panico? Magari rinuncerò con qualche scusa come “Aspetto la risposta da quello” o “Prima lo mando a quel concorso”… Magari deciderò di usare uno pseudonimo solo per non vedere il mio nome stampato in copertina. Sarei davvero molto più brava a pubblicizzare e a rompere le scatole per il libro di qualcun altro che per il mio. Promuovere il mio mi farebbe sentire… assillante.

Ma vi pare possibile?
Lo so che è una sciocchezza, che chissà a quanta pochissima gente glie ne fregherà qualcosa di aprirlo, anche tra i miei stessi conoscenti. Quindi lo so che cambi di titoli, nomi, pagine, non farebbero altro che aumentare la confusione (e diminuire i lettori). Così potrei dirmi in santa pace “ecco, non piace, non sono in grado” e restare nel mio brodo di scontentezza.

Come dice il carissimo Perditempo: “E se invece dovesse piacere?”
Ecco, credo che non saprei gestire questa eventualità. Sarebbe una novità, in quel caso cosa farei? Non lo so e quindi credo proprio che farò di tutto per mettermi i bastoni tra le ruote ed evitare che si sappia del libro.
O no. C’è una buona parte di me che si è stufata di tirarsi indietro all’ultimo e di nascondersi nell’ombra. C’è una parte di me che vuole emergere non tanto per avere successo, ma perché tutto questo è semplicemente la mia natura. Lo so fare e soprattutto lo voglio fare.
Perché mai nascondere ad amici e familiari la mia più grande passione? Non mi so dare una risposta, so solo che l’ho sempre fatto. Non sono mai stata abbastanza forte da affrontare il mondo con questa cosa che è davvero, intimamente mia. Posso mostrare altro, non questo.
Non è tanto la paura di ricevere critiche. Soprattutto è la paura di essere presa in giro. Come se mi trovassi costantemente in una classe delle elementari o (meglio) delle medie, circondata da bambini pronti a saltare su con qualche cattiveria senza senso o filo logico.

Certo che a volte il cervello si fissa su delle stupidaggini, su chissà quale evento o quale incomprensione che poi ti porti dietro tutta la vita.
Te ne puoi liberare, di queste sciocchezze?
Forse sì, se ti dimostri che non sei più in mezzo a dei bambini. Forse no, e dovrai sempre fare una enorme fatica per superare le tue paure.

Forse basterà dimostrarmi che se esce un mio libro non muore nessuno.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Mezzatazza ha detto:

    Buttati, andrà benissimo! Coraggio! 🙂

    Mi piace

    1. Gnoma Irma ha detto:

      Speriamo! 😊 Grazie dell’incoraggiamento!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.