Avere un figlio tardi non è sempre una scelta.

Avere un figlio tardi non è sempre una scelta.
Tutti lo sanno ma quando poi i media ne parlano sembra che non sia così. La fanno apparire come semplice svogliatezza.

Pare che le femmine italiane abbiano sempre meno voglia di riprodursi, se mai decidono di farlo. Altra cosa terribile: pare che sia il fatto che l’istinto materno venga fuori sempre più tardi. Ma siamo sicuri?
Mamme che partoriscono il primo figlio intorno ai 40, quando fisiologicamente l’organismo si sta preparando ad appendere la fertilità al chiodo… Non è affatto naturale, ma non credo che siano tutte sconsiderate.

L’argomento mi tocca un po’, visto che la qui presente Gnoma ha superato i trenta prima di pensare che fosse realmente possibile essere infestata da un alien.

I movens principali, tutto sommato, sono stati un certo equilibrio psico-economico e un compagno con idee chiare in testa. Un’inezia al giorno d’oggi, non vi pare?
Voglio dire: con tutti i lavori e le fantastiche retribuzioni che troviamo in giro sentirsi tranquilla economicamente è uno scherzo. E poi, insieme alla tranquillità economica sentiamo arrivare anche un certo senso di autorealizzazione, tipo “ora sono abbastanza grande per badare alle mie cose”.
E non dimentichiamoci dei tantissimi maschietti di anni 20-e-qualcosa che hanno bene in chiaro cosa vogliono dalla vita e sono pronti ad abbandonare i giochi per costruirsi un futuro indipendente e più serio.
È così, vero? Siamo noi ad essere troppo difficili, a tirarla alla lunga, ad aver perso l’istinto materno, ad essere più interessate alla carriera…

Per come siamo conciati oggi, l’istinto materno non ti sale perché sei certa di non potere badare a te stessa (magari vivi ancora in casa con i tuoi), figuriamoci ad un altro essere umano. Sei certa che l’uomo con cui stai prima o poi ti pianterà in asso. Sei certa che se hai un lavoro ti lasceranno a casa appena ti sapranno incinta. Sei certa che ci sono così tante cose da sistemare nella tua vita prima di essere pronta ad accogliere un figlio.
Poi senti suonare l’orologio biologico e ti assale il pensiero “o la va o la spacca”. Oppure rinunci e via…

Non è esaltante essere una donna italiana, in questo periodo storico.
Forse non è esaltante nemmeno essere un uomo.

Perdi un sacco di tempo in sciocchezze e paure, quando ad un tratto ti accorgi che le cose davvero belle della vita ti stanno sfuggendo di mano.

018
Fonte: danielaurin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.